Maurizio Miotti

foto bebop

 

Maurizio Miotti inizia lo studio del sassofono presso la Scuola Popolare di musica di Testaccio sotto la guida del M° R. Mancini. Consegue il Diploma accademico di 1° livello in Musica jazz presso il Conservatorio di musica “L. Refice” di Frosinone. Ha studiato arrangiamento per piccole e grandi formazioni orchestrali con il M° R. Mancini, con il M° M. Tiso e con il M° M. Corvini.

Ha partecipato a numerose masterclass internazionali tenute da musicisti quali R. Margitza, B. Mintzer, M. Turner, C. Potter, D. Moretti, B. Franceschini. E’ stato membro di piccoli gruppi e big band come la Caravan Night Orchestra con la quale ha suonato in locali come Caffè Latino, La Palma, il Micca Club, il Bebop Jazz club e in luoghi quali la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica ed il Palazzo dei Congressi di Roma.

Ha costituito il Modern Times sextet, un sestetto formato da tromba, sax tenore, sax baritono e sezione ritmica, per il quale ha realizzato gli arrangiamenti del progetto “Gerry Mulligan Portrait”.

Collabora stabilmente con Mario Corvini nella conduzione della New Talents Jazz Orchestra, partecipando ai tanti progetti musicali organizzati come la rassegna “Jazz orchestra: invito all’ascolto” e alla rassegna “Jazz Orchestra: Monday Night”, presso la Casa del Jazz di Roma, con ospiti come Javier Girotto, Stefano Di Battista e Daniele Tittarelli, i concerti al Teatro di Villa Torlonia, ecc. (2013 – 2017)

Conduce, con Mario Corvini, la Percentomusica Orchestra, un laboratorio musicale-orchestrale composto da 12 musicisti organizzato dalla scuola Percentomusica di Roma, realizzando arrangiamenti ad hoc per questa formazione.

Nell’ambito dei concerti dell’orchestra ha avuto modo di arrangiare brani come “Come together” (suonato da S. di Battista), “Valsinha” (per il concerto IncontrInJazz con la cantante Susanna Stivali) e “Let it snow” per lo spettacolo “All I want for Christmas” (con P. Ruffini e il gruppo VociSole).

E’ autore della Rassegna “Guida all’ascolto: storie di grandi orchestre”, svolto alla Casa del jazz, una serie di sei lezioni-concerto nelle quali viene ripercorsa la storia delle grandi orchestra jazz (2014).

Ha partecipato all’organizzazione dei concerti svolti dalla New Talents Jazz Orchestra presso il Teatro di Villa Torlonia (2015).

E’ ideatore e autore  della Rassegna “Il jazz va al cinema”, organizzata in collaborazione con il DAMS dell’Università Roma TRE presso il Teatro Palladium, una serie di quattro concerti dedicati all’incontro fra jazz e cinema, che vede coinvolti le colonne sonore dei film noir, quelle della Commedia all’italiana, ecc. (2016-2017).

E’ autore della Guida all’ascolto “Duke Ellington e il Rinascimento di Harlem” (Auditorium Parco della Musica di Roma), una lezione-concerto nella quale viene ripercorso il decennio vissuto nel quartire di Harlem  dal 1920 al 1930, analizzando quel momento di fermento culturale che coinvolse la pittura, la letteratura e la musica, con particolare attenzione all’orchestra di Duke Ellington (2017).

Ha partecipato all’organizzazione della Rassegna “Incontri in jazz”, svoltasi presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma (ricoprendo anche il ruolo di arrangiatore) che ha visto protagonisti musicisti come Roberto Gatto, Greta Panettieri, Claudio Corvini e Enrico Pieranunzi insieme alla New Talents JAzz Orchestra  (2017).

E’ ideatore e autore  della 2°edizione della Rassegna “Il jazz va al cinema”, organizzata in collaborazione con il DAMS dell’Università Roma TRE presso il Teatro Palladium, una serie di quattro nuovi concerti dedicati all’incontro fra jazz e cinema, che vede coinvolti le colonne sonore dei film dedicati ai musical per passare alle colonne sonore scritte da Henry Mancini e dai grandi compositori di Hollywood fino a quelle dei cartoon (2017-2018).